Riceviamo e pubblichiamo

È molto grave che, stando a notizie stampa, sia stato cancellato il turno di notte per gli ortopedici dell’ospedale di Crotone e che lì oculisti ed otorino non siano più operativi negli orari notturni. Chiedo al commissario alla Sanità calabrese, Guido Longo, di verificare subito la situazione e, all’occorrenza, di intervenire in maniera rapida». Lo afferma, in una nota, il deputato di L’Alternativa C’è Francesco Sapia, che alla Camera siede in commissione Sanità. «Nello specifico – prosegue il parlamentare – vanno trovate soluzioni in tempi veloci. Ma la questione è più ampia e riguarda il funzionamento dell’ospedale crotonese, che appare in condizioni deficitarie alla luce dei dati di produzione dell’anno 2020, passati inosservati davanti agli occhi di troppi politici. Oltretutto, nell’ospedale di Crotone vi sono ancora concorsi pendenti per il conferimento di diversi primariati, la cui definizione avevo sollecitato molto, ma molto tempo prima che fossero convocati i comizi elettorali». «Al di là del Covid, gli ultimi dati dell’ospedale di Crotone – avverte il parlamentare di L’Alternativa C’è – dovrebbero far suonare un campanello d’allarme, perché in alcuni casi il privato ha fatto più del pubblico e questo è incomprensibile quanto indicativo. Serve, quindi, una riorganizzazione complessiva e occorre reclutare presto medici in grado, per esperienza e risultati, di invertire la tendenza e di assicurare all’intera provincia crotonese risposte che vanno date sul posto e non altrove. L’emigrazione sanitaria è un dramma per malati e famiglie. È profondamente ingiusto – conclude Sapia – che essa prosegua per via di cause ben note, collegate a irresponsabilità e inadeguatezza nell’ambito della politica, in cui spesso si ignorano, per puro opportunismo, le vere origini delle disfunzioni sanitarie».

.