Riceviamo e pubblichiamo

La consigliera comunale Antonella Passalacqua

La Consigliera Comunale Antonella Passalacqua ha scritto al presidente della Regione Roberto Occhiuto per evidenziare una problematica sollevata da tanti genitori e che riguarda l’opportunità che presso gli istituti scolastici possano operare figure professionali specifiche come gli OSS (Operatori Socio Sanitari)

Nella nota indirizzata al Governatore, la consigliera sottolinea che tale opportunità è dovuta non solo alla persistente emergenza sanitaria da Covid 19 ma anche per le esigenze che quotidianamente scaturiscono per la frequenza negli istituti stessi di bambini che hanno necessità di costante assistenza e che figure professionali specifiche, come i già citati OSS, sono in grado di assicurare.

Non a caso negli scorsi anni – aggiunge la consigliera – quando la presenza di questa figura era prevista, si sono riscontrati notevoli e positivi risultati che garantivano autonomia ai bambini ed una regolare frequenza.

“Non essendo prevista quest’anno scolastico la loro presenza, non mancano nella nostra realtà, come mi è stato segnalato, problematiche che colpiscono una fascia debole che ha, viceversa, il pieno diritto di frequentare la scuola in maniera costruttiva ed efficace.

Al di là del nostro territorio sono certa che tale situazione sia comune a molte istituti della Calabria.

Già alla fine dello scorso anno scolastico, nel mese di giugno, prevedendo il verificarsi delle sopracitate situazioni, mi sono interfacciata con il presidente ff. Sprilì, il quale mi aveva assicurato che avrebbe preso carico della questione.

Purtroppo ho dovuto verificare che non si è concretizzato quanto da me espresso.

La scuola, accanto agli educatori, continua ad avere bisogno anche di figure professionali specifiche come gli OSS

“Faccio appello alla Sua sensibilità affinché prenda in considerazione la problematica sollevata. Istituzionalizzare queste figure professionali nelle scuole contribuirebbe sicuramente a rendere il percorso scolastico di alunni diversamente abili maggiormente agevole” conclude la Consigliera Comunale Passalacqua