Impietosa e più che mai indicativa circa la realtà che purtroppo i cittadini sono costretti a vivere. Anche quest’anno infatti, secondo le classifiche stilate da Il Sole 24 Ore, Crotone è la peggiore città d’Italia in merito a 90 indicatori provinciali riferiti alla qualità della vita, in particolare per quanto riguarda ad ambiente, servizi, cultura e tempo libero.

Secondo la 32esima edizione del rapporto “Qualità della vita” de “Il Sole 24 Ore”, sono Trieste (differenza 2020/21 +4), Milano (+10) e Trento (0) le province italiane al top.

La classifica è stata stilata secondo sei indicatori: ricchezza e consumi; affari e lavoro; ambiente e servizi; demografia, società e salute; giustizia e sicurezza; cultura e tempo libero. Chiudono la classifica Trapani (-4), Foggia (-6) e Crotone (0)

INTANTO DAL COMUNE DI CROTONE

Riceviamo e pubblichiamo


Stretta finale e corsa contro il tempo, ma con la consapevolezza di essere sulla buona strada ed operare nell’interesse della comunità cittadina.

Per questi motivi, così come sta avvenendo da qualche settimana, sindaco ed assessori, anche il sabato e la domenica, come questa mattina, sono al lavoro per completare le schede progettuali relativi ai CIS (Contratti Istituzionali di Sviluppo)

Lo stato dell’arte, come ha anche comunicato alla cittadinanza questa mattina nel corso di una diretta social il sindaco, è a buon punto.

L’amministrazione sta operando secondo le direttrici previsti avendo una visione complessiva sugli interventi da proporre che partendo dal centro storico di allargano a raggiera comprendendo anche le periferie.

Interventi infrastrutturali importanti che riguardano la riqualificazione urbana, opere idrauliche per la messa in sicurezza, ma anche fare in modo che la città diventi attrattore turistico.

L’obiettivo è arrivare alla scadenza della presentazione con progetti che rispondano non solo alle direttive quadro dei CIS ma soprattutto allo sviluppo della città.

Una ulteriore occasione, che si unisce ai fondi del PNRR, per la città di Crotone sulla quale l’amministrazione sta profondendo ogni sforzo.