Ciccio Gullo e Ciccio Graziani, ai tempi del famoso reality “Campioni”.

Tutti i bambini hanno bisogno di vivere, e possibilmente di farlo con gioia, serenità e sorridendo. Ovunque e sempre. Un po’ quello che è accaduto domenica 6 marzo a Crotone, su di un campo di calcio di periferia prima, e nel reparto di Pediatria dell’ospedale San Giovanni di Dio qualche ora dopo per la donazione dei giocattoli.

I protagonisti assoluti? Sempre gli stessi, i bambini. Tutti “dentro” al vincente e trainante progetto itinerante ideato da Francesco Gullo, denominato “Campioni in Tour”, con il quale in pratica, si unisce l’utile al dilettevole prendendo a calci un pallone, ma anche la tristezza e lo sconforto. In nome della solidarietà e dello sport.

Alla fine della giornata però, le partite vinte sono due: per gioco, su di un campo di calcio pieno di bambini entusiasti, e nella vita reale, in un reparto di ospedale, pieno di bambini. Ai primi, i campioncini in erba, torneo, onore, gioia e gloria da gol, ai secondi, piccoli e silenziosi eroi della vita, tanti sorrisi e giocattoli per sentirsi coccolati e meno soli.

Al campo di calcio del centro sportivo “Unitaria” naturalmente, gol e risultati a parte, hanno vinto tutti: l’Asd Crescendo A e B, Acc Scandale, Riolo, Crotone, Strongoli e Casabona. Gli organizzatori, gli allenatori, i genitori, e soprattutto loro, i bambini crotonesi. È stato bellissimo esserci oggi.