Sono comparsi da un po’ di giorni a questa parte. Sono distribuiti di qua e di là, (in zone sicuramente strategiche), ma apparentemente senza un criterio e senza un’area di sosta regolamentata, ed inoltre consegnano proventi economici a chi li gestisce. Naturalmente una società alla quale è stata concessa l’autorizzazione da parte del Comune di Crotone.

Ci riferiamo ai monopattini elettrici, utilizzati evidentemente ed ancora abbastanza “misteriosamente”, nel senso che il cittadino che lo utilizza, effettua il pagamento elettronico, e dopo aver usufruito del servizio in sharing, lascia il monopattino dove gli pare e piace, quindi a rischio infrazione.

Funziona più o meno così, non solo a Crotone, dove però non sono ancora attivi, normali e necessari limitatori di velocità che ne inibiscono l’uso nella zona blu.

Va da sé inoltre che può circolare ovunque, quando cosi non dovrebbe essere, e non è prevista nessuna sanzione, né per la sosta non regolamentata, né per lo spazio pubblico che occupano. Insomma, non esiste ancora un regolamento, ed il Comune non ha ancora imposto nessuna prescrizione.

Va bene offrire un servizio ai cittadini, va bene anche far cassa in qualche modo, ma non va però altrettanto bene multare 7 giorni su 7 a 360 gradi gli automobilisti trasgressori, e nello stesso tempo permettere alla società che gestisce il suddetto servizio, e a chi ne usufruisce pagando, di fare ciò che vuole senza nessuna regola né controllo. Maggiore chiarezza ed informazione da parte del Comune sarebbe opportuna.