Sarà incentrato sull’approvazione del Piano Finanziario e del Regolamento sulla tassa rifiuti, più i soliti debiti di bilancio, il Consiglio Comunale fissato in prima convocazione per mercoledì 29 giugno. Ma, punti all’ordine del giorno a parte, gran parte dell’attesa e dell’attenzione saranno inevitabilmente concentrati sulla tenuta della maggioranza Voce. I numeri, fra scientifiche astensioni e stampelle varie, per quello che trapela, nel silenzio quasi generale che sa tanto di tregua “pacifica” a tempo, (vedi crisi fra i 4 dissidenti ed il sindaco), dovrebbero garantire un Consiglio Comunale tutto sommato tranquillo ma comunque di transizione. Nessuno si farà “male” insomma, ed un ritrovato senso di responsabilità dovrebbe prevalere su tutto, a patto però che qualcosa in seno all’amministrazione comunale cambi in fretta. E non ci riferiamo soltanto al tanto desiderato e richiesto cambio di passo, ma anche, molto probabilmente e se necessario, ad un paio di avvicendamenti in Giunta.