Riceviamo e pubblichiamo

La prima campanella, che segna l’inizio dell’anno scolastico, è suonata da quasi un mese, ma nella città di Crotone il servizio di mensa scolastica non è ancora stato avviato e del trasporto scolastico non ve ne è ancora nemmeno l’ombra. Per le tantissime famiglie, dove entrambi i genitori lavorano e spesso rientrano a casa solo nel pomeriggio, i disagi che ne conseguono sono insostenibili segnando pesanti ripercussioni economiche ed organizzative.

La competenza del servizio di refezione nelle scuole del primo ciclo d’istruzione è del Comune, che ha il doveroso compito di organizzare, nei tempi utili, l’affidamento della fornitura dei pasti ad una ditta esterna attraverso l’indizione di una gara pubblica.

CI RISIAMO !!

Finanche nelle azioni di tutela a supporto dei nostri bambini, l’amministrazione Voce non si smentisce, continuando a palesare una totale mancanza di programmazione e di gestione e riversando i frutti amari della sua inefficienza sulle spalle dei cittadini che continuano a pagarne le spese.

La lentezza con cui è stata gestita la gara d’appalto per la refezione scolastica e le somme esigue stanziate per i singoli pasti, assolutamente insufficienti, secondo gli operatori del settore, ad assicurare l’impiego di prodotti di qualità, rappresentano le cause per cui la gara d’appalto, indetta ieri, è andata deserta.

Il Comune si attivi prontamente per superare i propri ritardi e le proprie difficoltà, garantendo ai nostri bambini, ancora oggi privi di un servizio fondamentale, il diritto al pasto caldo fino al termine delle attività didattiche. 

Sindaco Voce, questo è il momento di occuparsi delle priorità della sua città … I NOSTRI BAMBINI VENGONO PRIMA DEI GIOCHI DI PALAZZO.

 

Simona Ferraina- coordinatrice cittadina FDI