Riceviamo e pubblichiamo

ACQUA SIAMO ALLE SOLITE

Mai come questa volta avremmo voluto essere smentiti. Non più tardi di un mese fa avevamo posto l’attenzione agli imprenditori agricoli del territorio sul gioco politico in atto sulla loro pelle.
Durante l’ultima campagna elettorale delle Elezioni Politiche, l’ Assessore Regionale all’ Agricoltura Gianluca Gallo rassicurava gli imprenditori agricoli sulla presenza del bene idrico e della possibilità per questi di continuare e preparare la campagna di coltura invernale.
Allo stesso tempo, in un clima festante, il Presidente Occhiuto accolto da diversi Sindaci del territorio con tanto di foto di rito, assicurava l’impegno della Regione Calabria per il territorio Crotonese onde raccogliere qualche voto per la lista di Forza Italia ed assicurare l’elezione del fratello Mario Occhiuto in Senato.
A distanza di un mese, lo diciamo a malincuore: avevamo ragione noi! Proprio cosi, oggi l’ennesimo grido di dolore degli agricoltori isoletani con il blocco della 106, che vedono il rischio di mandare in frantumi gli investimenti fatti, a causa dell’assenza di acqua. Infatti, è notizia di questi giorni, che i laghi silani sono ai minimi storici in termini di risorsa idrica in quanto la stessa è stata utilizzata per la produzione di energia elettrica da parte della Società Concessionaria A2A, il tutto nel silenzio della Regione Calabria.
Il Partito Democratico di Isola di Capo Rizzuto, attraverso il gruppo consiliare regionale, in tempi non sospetti, con la mozione nr. 26 dell’ 11 Luglio 2022, chiedeva alla Giunta Regionale di occuparsi della crisi idrica del territorio crotonese, rivedendo, tra l’altro, la convenzione che disciplina i rapporti tra Regione Calabria e la società concessionario A2A con l’istituzione di un tavolo permanente dei soggetti coinvolti onde consentire agli imprenditori agricoli di condurre la propria attività con serenità rispetto alla risorsa idrica.
Questo territorio non ha bisogno di marchette elettorali ma è necessario che si intervenga in maniera definitiva sulla problematica. Basta passerelle elettorali a danno di un territorio più volte sedotto e poi abbandonato. E’ il momento delle risposte! Attendiamo, lontani da campagne elettorali, che chi di competenza ritorni a Crotone con quanto richiesto, ormai non più rinviabile:

  • assicurare immediatamente il fabbisogno idrico per la seconda coltura;
  • adeguare la cosiddetta convenzione “Enel-Casmez” alle nuove disposizioni normative nazionali e regionali, prevedendo un ulteriore aumento dei volumi di rilascio per il territorio Crotonese al fine di adeguare la stessa alle nuove esigenze del comparto agricolo e quindi far fronte al fabbisogno idrico per mesi 12;
  • prevedere un piano di manutenzione straordinaria della rete idrica di proprietà regionale nonché attingere dalle risorse oggi disponibili per la realizzazione di una nuova infrastruttura idrica, per garantire la corretta gestione del bene idrico in un’ottica di risparmio della risorsa stessa.
    Restando in attesa…..
  • Il Segretario Cittadino del PD di Isola di Capo Rizzuto
    Andrea Filici
    Il Capogruppo del PD in Consiglio Comunale
    Gaspare Cavaliere