Più che un dato di fatto è quasi una speranza, alla quale si affidano tutti: amministrazione comunale, ditte ed aziende interessate, e naturalmente genitori e studenti. Per gli attesi ed importanti servizi relativi alla mensa e trasporto scolastici, considerate le nuove procedure in corso e soprattutto i tempi, se ne riparlerà a gennaio 2023. Se tutto filerà liscio. La volontà delle parti di venire a capo di una situazione generale, complicata e, considerati i tempi di grande crisi, oggettivamente difficile c’è. Gli uffici comunali stanno lavorando, e la conferma arriva direttamente dall’assessore Rachele Via.

Per quanto attiene al trasporto scolastico, la gara è andata deserta. A tal riguardo va opportunamente precisato che, in base alle richieste pervenute, i pullman necessari al servizio sarebbero 12, più 3 di riserva, contro i 18 in servizio lo scorso anno. Domani, a tal proposito, è in programma una riunione col sindaco ed il dirigente, proprio per decidere la specifica ed eventuale procedura da adottare. Si è pensato anche ad una soluzione tampone, legata all’utilizzo di navette. Vedremo.

Per quanto concerne invece la mensa scolastica, il dirigente del settore ha proceduto a fare alle aziende interessate e che hanno precedentemente rifiutato, un’ulteriore offerta pari a 5€ a pasto, contro i 6.30 euro richiesti. Il dirigente inoltre, ed è questa la novità dell’ultim’ora, proporrà l’offerta anche altre ditte. Non ci resta che attendere che le procedure tecniche vengano ultimate, dopo di che sapremo. Ad ogni modo, e per evitare che in futuro si ripropongano simili e spiacevoli situazioni, l’amministrazione comunale si sta già muovendo per predisporre un piano triennale dei suddetti servizi.