In sintesi, in estrema sintesi, e con la viva speranza che giungano presto buone nuove, o quantomeno incoraggianti sotto tutti i punti di vista, il sindaco Voce, in sede di Consiglio Comunale straordinario sulla vicenda Akrea, ha annunciato un tavolo tecnico urgente per la giornata di domani, insieme al CDA ed RSA di Akrea. L’obiettivo, apparentemente comune, è quello di trovare una soluzione seria ed immediata, per poter arrivare al 31 dicembre, data della fine del contratto di servizio di Akrea, con le idee chiare e pronti ad agire per l’immediato futuro. Si dovrebbe procedere con un contratto di due anni più uno, più alcuni paletti posti dall’amministrazione comunale, atti, per quanto afferma il sindaco Voce, a migliorare la pesante situazione finanziaria della partecipata del Comune di Crotone attraverso un lavoro di ristrutturazione aziendale, ma anche i numeri relativi alla raccolta differenziata ed il servizio di raccolta dei rifiuti. Soprattutto, ha sottolineato il sindaco, per dare ai cittadini che pagano la Tari, le risposte che si aspettano. Quello che si respira aria è un cauto ottimismo, ma anche e purtroppo la quasi consapevolezza che quella che verrà assunta in questi giorni di fine anno, sarà una soluzione tampone, e con una scadenza ben precisa: il bando regionale Calabria Centro, per l’affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti al miglior offerente…