Riceviamo e pubblichiamo

La recente decisione di chiudere la Punto di Emergenza Territoriale (PET) di Isola Capo Rizzuto, trasferendola a Savelli, ha destato grande stupore e preoccupazione all’interno della comunità. Questo spostamento, avvenuto in un contesto di colloqui tra il sottoscritto e il Sindaco, si presenta come un’azione di gravità inaudita, poiché non solo non soddisfa le richieste di potenziamento del territorio avanzate, ma addirittura peggiora le condizioni di assistenza sanitaria d’emergenza.

Nel corso dei colloqui, la richiesta di una seconda ambulanza per rafforzare il servizio nel comune, il secondo per popolazione dopo Crotone e con una considerevole affluenza estiva che supera le 100 mila persone, è stata avanzata come necessaria. Tuttavia, anziché rispondere positivamente a questa richiesta, 𝘀𝗶 𝗲̀ 𝗱𝗲𝗰𝗶𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝗱𝗲𝗰𝗹𝗮𝘀𝘀𝗮𝗿𝗲 𝗹𝗮 𝗣𝗘𝗧 𝗱𝗮 𝗠𝗦𝗔𝟭 (𝗔𝘂𝘁𝗶𝘀𝘁𝗮-𝗦𝗼𝗰𝗰𝗼𝗿𝗿𝗶𝘁𝗼𝗿𝗲 + 𝗶𝗻𝗳𝗲𝗿𝗺𝗶𝗲𝗿𝗲) 𝗮 𝘂𝗻’𝗮𝗺𝗯𝘂𝗹𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗱𝘂𝗲 𝗮𝘂𝘁𝗶𝘀𝘁𝗶 𝘀𝗼𝗰𝗰𝗼𝗿𝗿𝗶𝘁𝗼𝗿𝗶 come riporta la delibera del Servizio Sanitario regionale n°288 del 5 febbraio 2024. Questo significa che anziché potenziare il servizio esistente, si sta riducendo la capacità di risposta e assistenza sanitaria, con conseguenti rischi per la comunità.

Il Capo Gruppo del PD Gaspare Cavaliere afferma:
“𝘘𝘶𝘦𝘴𝘵𝘦 𝘥𝘦𝘤𝘪𝘴𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘢𝘱𝘱𝘢𝘪𝘰𝘯𝘰 𝘱𝘳𝘪𝘷𝘦 𝘥𝘪 𝘴𝘦𝘯𝘴𝘰 𝘭𝘰𝘨𝘪𝘤𝘰 𝘦 𝘤𝘰𝘮𝘱𝘳𝘰𝘮𝘦𝘵𝘵𝘰𝘯𝘰 𝘨𝘳𝘢𝘷𝘦𝘮𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘭𝘢 𝘨𝘢𝘳𝘢𝘯𝘻𝘪𝘢 𝘥𝘪 𝘶𝘯 𝘴𝘦𝘳𝘷𝘪𝘻𝘪𝘰 𝘴𝘢𝘯𝘪𝘵𝘢𝘳𝘪𝘰 𝘥’𝘦𝘮𝘦𝘳𝘨𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘢𝘥𝘦𝘨𝘶𝘢𝘵𝘰 𝘢𝘭𝘭𝘦 𝘦𝘴𝘪𝘨𝘦𝘯𝘻𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘯𝘰𝘴𝘵𝘳𝘢 𝘤𝘰𝘮𝘶𝘯𝘪𝘵𝘢̀. 𝘌̀ 𝘦𝘷𝘪𝘥𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘴𝘪 𝘵𝘳𝘢𝘵𝘵𝘢 𝘥𝘪 𝘶𝘯 𝘶𝘭𝘵𝘦𝘳𝘪𝘰𝘳𝘦 𝘴𝘷𝘢𝘯𝘵𝘢𝘨𝘨𝘪𝘰 𝘪𝘯𝘧𝘭𝘪𝘵𝘵𝘰 𝘢 𝘶𝘯 𝘵𝘦𝘳𝘳𝘪𝘵𝘰𝘳𝘪𝘰 𝘨𝘪𝘢̀ 𝘦𝘮𝘢𝘳𝘨𝘪𝘯𝘢𝘵𝘰, 𝘱𝘳𝘪𝘷𝘢𝘯𝘥𝘰𝘭𝘰 𝘥𝘪 𝘴𝘦𝘳𝘷𝘪𝘻𝘪 𝘷𝘪𝘵𝘢𝘭𝘪 𝘱𝘦𝘳 𝘭𝘢 𝘴𝘢𝘭𝘶𝘵𝘦 𝘱𝘶𝘣𝘣𝘭𝘪𝘤𝘢.”

È particolarmente preoccupante il fatto che altri comuni della zona, come Mesoraca e Ciro Marina, mantengano le loro due ambulanze, mentre a Isola Capo Rizzuto viene tolto un mezzo essenziale che ha dimostrato negli anni di essere fondamentale per garantire tempestività negli interventi.

“𝘌’ 𝘪𝘯𝘢𝘤𝘤𝘦𝘵𝘵𝘢𝘣𝘪𝘭𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘥𝘦𝘤𝘪𝘴𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘥𝘪 𝘲𝘶𝘦𝘴𝘵𝘰 𝘨𝘦𝘯𝘦𝘳𝘦 𝘷𝘦𝘯𝘨𝘢𝘯𝘰 𝘱𝘳𝘦𝘴𝘦 𝘴𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘵𝘦𝘯𝘦𝘳 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘰 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘦 𝘳𝘦𝘢𝘭𝘪 𝘦𝘴𝘪𝘨𝘦𝘯𝘻𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘱𝘰𝘱𝘰𝘭𝘢𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘦 𝘴𝘦𝘮𝘣𝘳𝘢𝘯𝘰 𝘪𝘯𝘷𝘦𝘤𝘦 𝘳𝘪𝘴𝘱𝘰𝘯𝘥𝘦𝘳𝘦 𝘢 𝘭𝘰𝘨𝘪𝘤𝘩𝘦 𝘥𝘪 𝘮𝘦𝘳𝘢 𝘴𝘱𝘢𝘳𝘵𝘪𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘱𝘰𝘭𝘪𝘵𝘪𝘤𝘢. 𝘔𝘦𝘯𝘵𝘳𝘦 𝘪 𝘳𝘢𝘱𝘱𝘳𝘦𝘴𝘦𝘯𝘵𝘢𝘯𝘵𝘪 𝘱𝘰𝘭𝘪𝘵𝘪𝘤𝘪 𝘤𝘦𝘭𝘦𝘣𝘳𝘢𝘯𝘰 𝘷𝘪𝘵𝘵𝘰𝘳𝘪𝘦 𝘦𝘭𝘦𝘵𝘵𝘰𝘳𝘢𝘭𝘪, 𝘭𝘢 𝘤𝘰𝘮𝘶𝘯𝘪𝘵𝘢̀ 𝘴𝘶𝘣𝘪𝘴𝘤𝘦 𝘭’𝘦𝘯𝘯𝘦𝘴𝘪𝘮𝘰 𝘧𝘶𝘳𝘵𝘰 𝘥𝘦𝘪 𝘴𝘶𝘰𝘪 𝘥𝘪𝘳𝘪𝘵𝘵𝘪 𝘧𝘰𝘯𝘥𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘢𝘭𝘪. 𝘐𝘯 𝘲𝘶𝘦𝘴𝘵𝘰 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘦𝘴𝘵𝘰, 𝘦̀ 𝘧𝘰𝘯𝘥𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘢𝘭𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘭𝘢 𝘤𝘰𝘮𝘶𝘯𝘪𝘵𝘢̀ 𝘥𝘪 𝘐𝘴𝘰𝘭𝘢 𝘊𝘢𝘱𝘰 𝘙𝘪𝘻𝘻𝘶𝘵𝘰 𝘳𝘦𝘢𝘨𝘪𝘴𝘤𝘢 𝘤𝘰𝘯 𝘧𝘦𝘳𝘮𝘦𝘻𝘻𝘢 𝘦 𝘶𝘯𝘪𝘵𝘢̀. 𝘕𝘰𝘯 𝘱𝘰𝘴𝘴𝘪𝘢𝘮𝘰 𝘱𝘦𝘳𝘮𝘦𝘵𝘵𝘦𝘳𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘪𝘯𝘵𝘦𝘳𝘦𝘴𝘴𝘪 𝘱𝘰𝘭𝘪𝘵𝘪𝘤𝘪 𝘮𝘦𝘵𝘵𝘢𝘯𝘰 𝘢 𝘳𝘪𝘴𝘤𝘩𝘪𝘰 𝘭𝘢 𝘯𝘰𝘴𝘵𝘳𝘢 𝘴𝘢𝘭𝘶𝘵𝘦 𝘦 𝘭𝘢 𝘯𝘰𝘴𝘵𝘳𝘢 𝘴𝘪𝘤𝘶𝘳𝘦𝘻𝘻𝘢. 𝘌̀ 𝘯𝘦𝘤𝘦𝘴𝘴𝘢𝘳𝘪𝘰 𝘤𝘩𝘦 𝘭𝘦 𝘪𝘴𝘵𝘪𝘵𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘤𝘰𝘮𝘱𝘦𝘵𝘦𝘯𝘵𝘪 𝘳𝘪𝘱𝘳𝘦𝘯𝘥𝘢𝘯𝘰 𝘪𝘯 𝘤𝘰𝘯𝘴𝘪𝘥𝘦𝘳𝘢𝘻𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘭𝘦 𝘳𝘦𝘢𝘭𝘪 𝘯𝘦𝘤𝘦𝘴𝘴𝘪𝘵𝘢̀ 𝘥𝘦𝘭 𝘵𝘦𝘳𝘳𝘪𝘵𝘰𝘳𝘪𝘰 𝘦 𝘨𝘢𝘳𝘢𝘯𝘵𝘪𝘴𝘤𝘢𝘯𝘰 𝘶𝘯 𝘴𝘦𝘳𝘷𝘪𝘻𝘪𝘰 𝘴𝘢𝘯𝘪𝘵𝘢𝘳𝘪𝘰 𝘥’𝘦𝘮𝘦𝘳𝘨𝘦𝘯𝘻𝘢 𝘢𝘥𝘦𝘨𝘶𝘢𝘵𝘰 𝘦 𝘦𝘧𝘧𝘪𝘤𝘪𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘱𝘦𝘳 𝘵𝘶𝘵𝘵𝘪 𝘪 𝘤𝘪𝘵𝘵𝘢𝘥𝘪𝘯𝘪”.

È importante sottolineare che il Capo Gruppo del PD, Gaspare Cavaliere, ha chiarito che la sua critica non è rivolta contro i volontari che verranno impiegati sul territorio. La preoccupazione è piuttosto incentrata sulla necessità che i volontari operino sul territorio mantenendo la seconda ambulanza, senza che questo comporti la privazione della PET per la comunità.

“𝘊𝘩𝘪𝘦𝘥𝘪𝘢𝘮𝘰 𝘱𝘦𝘳𝘵𝘢𝘯𝘵𝘰 𝘢𝘭 𝘗𝘳𝘦𝘴𝘪𝘥𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘖𝘤𝘤𝘩𝘪𝘶𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘪𝘯𝘵𝘦𝘳𝘷𝘦𝘯𝘪𝘳𝘦 𝘪𝘮𝘮𝘦𝘥𝘪𝘢𝘵𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘦 𝘱𝘦𝘳 𝘤𝘰𝘳𝘳𝘦𝘨𝘨𝘦𝘳𝘦 𝘲𝘶𝘦𝘴𝘵𝘢 𝘦𝘯𝘯𝘦𝘴𝘪𝘮𝘢 𝘴𝘷𝘪𝘴𝘵𝘢 𝘤𝘩𝘦 𝘱𝘦𝘯𝘢𝘭𝘪𝘻𝘻𝘢 𝘪𝘭 𝘵𝘦𝘳𝘳𝘪𝘵𝘰𝘳𝘪𝘰 𝘤𝘳𝘰𝘵𝘰𝘯𝘦𝘴𝘦. E’ 𝘧𝘰𝘯𝘥𝘢𝘮𝘦𝘯𝘵𝘢𝘭𝘦 𝘤𝘩𝘦 𝘭𝘦 𝘪𝘴𝘵𝘪𝘵𝘶𝘻𝘪𝘰𝘯𝘪 𝘢𝘨𝘪𝘴𝘤𝘢𝘯𝘰 𝘤𝘰𝘯 𝘵𝘦𝘮𝘱𝘦𝘴𝘵𝘪𝘷𝘪𝘵𝘢̀ 𝘦 𝘳𝘦𝘴𝘱𝘰𝘯𝘴𝘢𝘣𝘪𝘭𝘪𝘵𝘢̀ 𝘱𝘦𝘳 𝘨𝘢𝘳𝘢𝘯𝘵𝘪𝘳𝘦 𝘪𝘭 𝘣𝘦𝘯𝘦𝘴𝘴𝘦𝘳𝘦 𝘦 𝘭𝘢 𝘴𝘪𝘤𝘶𝘳𝘦𝘻𝘻𝘢 𝘥𝘦𝘪 𝘤𝘪𝘵𝘵𝘢𝘥𝘪𝘯𝘪, 𝘢𝘴𝘴𝘪𝘤𝘶𝘳𝘢𝘯𝘥𝘰 𝘭𝘰𝘳𝘰 𝘶𝘯 𝘢𝘤𝘤𝘦𝘴𝘴𝘰 𝘦𝘲𝘶𝘰 𝘦 𝘢𝘥𝘦𝘨𝘶𝘢𝘵𝘰 𝘢𝘪 𝘴𝘦𝘳𝘷𝘪𝘻𝘪 𝘴𝘢𝘯𝘪𝘵𝘢𝘳𝘪 𝘥’𝘦𝘮𝘦𝘳𝘨𝘦𝘯𝘻𝘢. 𝘓𝘢 𝘤𝘰𝘮𝘶𝘯𝘪𝘵𝘢̀ 𝘥𝘪 𝘐𝘴𝘰𝘭𝘢 𝘊𝘢𝘱𝘰 𝘙𝘪𝘻𝘻𝘶𝘵𝘰 𝘦 𝘭’𝘪𝘯𝘵𝘦𝘳𝘰 𝘵𝘦𝘳𝘳𝘪𝘵𝘰𝘳𝘪𝘰 𝘤𝘳𝘰𝘵𝘰𝘯𝘦𝘴𝘦 𝘯𝘰𝘯 𝘱𝘰𝘴𝘴𝘰𝘯𝘰 𝘱𝘦𝘳𝘮𝘦𝘵𝘵𝘦𝘳𝘴𝘪 𝘶𝘭𝘵𝘦𝘳𝘪𝘰𝘳𝘪 𝘳𝘪𝘵𝘢𝘳𝘥𝘪 𝘰 𝘴𝘷𝘪𝘴𝘵𝘦 𝘯𝘦𝘭𝘭𝘢 𝘨𝘦𝘴𝘵𝘪𝘰𝘯𝘦 𝘥𝘦𝘪 𝘴𝘦𝘳𝘷𝘪𝘻𝘪 𝘦𝘴𝘴𝘦𝘯𝘻𝘪𝘢𝘭𝘪” conclude Gaspare Cavaliere.