Riceviamo e pubblichiamo

Ho visitato al Museo di Roma in Trastevere, non senza emozione, la prima mostra dedicata al nostro caro concittadino Rino Gaetano.

Un poeta/menestrello dallo stile unico, un anticonformista che, con testi apparentemente leggeri, denunciava grandi verità.
Sono stato invitato personalmente da Alessandro Nicosia, uno dei curatori della mostra ed accolto in maniera affabile e accompagnato amabilmente nella visita alla mostra.
E’ stato emozionante entrare nella vita di Rino, che come ogni crotonese, sento come un mio fratello maggiore,  e aggirarmi tra le foto che lo ritraevano bambino, fino a quelle sul palco di Sanremo.
È  stato suggestivo leggere le sue poesie e le sue canzoni, scritte a macchina e alcune a mano, osservare la sua calligrafia.
In più  punti del Museo, poi, si udivano le sue canzoni o la sua voce che rilasciava interviste. Ovunque poi, fotografie della nostra Crotone.
Veramente una mostra ben fatta, ben articolata.

La mostra  resterà  a Roma fino al 28 aprile, per poi essere trasferita a Napoli.
Con Alessandro Nicosia si é discusso dell’opportunità di  portare la mostra a Crotone. Auspico di riuscire nell’intento.

Nicola Corigliano

Assessore alla Cultura