​”PRESIDENTE OLIVERIO E ONOREVOLE 


BIANCHI, IO VI INVITO A VIVERE I CITTADINI CROTONESI, A RISCOPRIRLI, PERCHE’ NON ESISTONO SOLO IN CAMPAGNA ELETTORALE…

VEDE PRESIDENTE, I VOTI NON SONO PATATE, ANCHE SE A VOLTE C’E’ CHI LO PENSA, COMPRANDOLI COME SE ANDASSERO AL KG, MENTRE I VOTI SONO PERSONE CHE DANNO UN CONSENSO, UNA DIMOSTRAZIONE DI STIMA, PERSONE CHE IN QUEL MOMENTO DICONO

IO CREDO IN LUI….E TU NON DEVI DELUDERLI, PERCHE’ LORO NON LO HANNO FATTO CON TE. 

CON LEI CARO PRESIDENTE.

A CROTONE HA PRESO QUASI IL 70%, EPPURE SIAMO LA TERRA PIU’ ABBANDONATA DELLA CALABRIA.
  
PERO’, SUCCEDE CHE CI RITROVIAMO A GUARDARE LA COLONNA DI CAPOCOLONNA ABBANDONATA LI IN MEZZO ALL’ERBACCE, A TESTA ALTA GONFIANDO IL PETTO, PENSANDO A QUALE ILLUSTRE STIRPE SIAMO APPARTENUTI, E QUANTA RABBIA ABBIAMO PER ESSERE CADUTI COSI’ IN BASSO, PERCHE’ NEMMENO LI LA REGIONE CON LE SUE COMPETENZE RIESCE A DARE RISPOSTE E RISPETTO A 3000 ANNI DI STORIA.

COSI’ PRESIDENTE  PUO’ SUCCEDERE CHE CI AMMALIAMO, E DOBBIAMO CURARCI, ALLORA DOBBIAMO ANDARE FUORI…
GIA’, VEDE PRESIDENTE, QUA ANCHE PER UN RAFFREDDORE DOBBIAMO ANDARE FUORI,  ALLORA FUNZIONA COSI’: SE DOBBIAMO ANDARE A CATANZARO CI TROVIAMO A FARE LA 106 CHE HA UNA MEDIA DI 350 INCIDENTI L’ANNO, NATURALMENTE L’INDICE PIU’ ALTO DI MORTALITA’ LO DETIENE CROTONE, SE INVECE DOBBIAMO ANDARE OLTRE LA NOSTRA CALABRIA, CON TRENITALIA DOBBIAMO FARE CROTONE CATANZARO LIDO, DA CATANZARO LIDO TROVEREMO UN COMODO AUTOBUS CHE CI PORTERA’ A LAMEZIA, E DA LI FINALMENTE UN TRENO CHE CI PORTERA’ NELLA NOSTRA LOCALITA’ DI VILLEGGIATURA. 

FERMO RESTANDO CHE DOVREMMO AVERE LE STESSE POSSIBILITA’ DI CURARCI DEI CITTADINI DI MILANO O  ROMA O  CATANZARO

DA NOTARE CHE HO DETTO CATANZARO, NON HO DETTO NEW YORK, MA SECONDO LEI E’ UNA COSA LOGICA UNA SIMILE ODISSEA PER SALVAGUARDARE LA NOSTRA SALUTE? 

ED ECCO CHE POI TI TROVI A GUARDARE NEGLI OCCHI PERSONE A CUI NON RIESCI A DARE RISPOSTA, CHE SIA LA BUCA CHE SIA UN TAGLIO DELL’ERBA, FIGURIAMOCI DAVANTI UN PADRE CHE E’ COSTRETTO A FARE SFORZI IMMANI PER MANDARE IL FIGLIO A STUDIARE FUORI SEDE, GIA’ FUORI SEDE PERCHE’ A CROTONE L’UNIVERSITA’ C’ERA MA L’HANNO CHIUSA.

MA NON SI PREOCCUPI, QUI’ E’ NORMALE, APPENA QUALCOSA VA BENE SI CHIUDE.

IL PERCHE’?  NON LO SO, FORSE E’ LO STESSO  DI COME A NESSUNO INTERESSA DELLO STESSO PADRE, A CUI VIENE NEGATO IL DIRITTO DI VEDERE QUEL FIGLIO ALMENO UNA VOLTA AL MESE.

TUTTO QUESTO PER GIOCHINI DI POTERE O VARIE MOINE, VIENE CHIUSO UN AEROPORTO CHE FACEVA REGISTRARE OTTIMI NUMERI, COSI’ QUEL PADRE SI TROVA COSTRETTO AD ASPETTARE UN NATALE O UNA SANTA PASQUA, COME UN SOGNO PER RIABRACCIARE QUEL FIGLIO CHE STARA 7 GIORNI AL MASSIMO, PRONTO A RIPARTIRE PER ASSICURARSI UN FUTURO MIGLIORE,  CHE PER IRONIA DELLA SORTE SARA’ QUASI CERTAMENTE FUORI CROTONE, LONTANO DA QUESTA TERRA AMATA MA VANDALIZZATA DA QUESTA POLITICA.

IN CHIUSURA PRESIDENTE, RINGRAZIANDOLA DI CUORE DELLA SUA PRESENZA LE FACCIO QUALCHE DOMANDA:
COME MAI  UNA LOCALITA’ TURISTICA , CHE RACCHIUDE IN SE’ UNA STORIA CHE IN ITALIA POCHI POSSONO VANTARE, NON VIENE PRESA DALLA GIUSTA CONSIDERAZIONE DA CHI CHE DOVREBBE SALVAGUARDARE IL NOSTRO PATRIMONIO STORICO CULTURALE ? 

COME MAI UNA CITTA’ DI MARE NON HA UN PORTO DEGNO DI QUESTO NOME ?

UNA CITTA’  CHE DISTA 30 MINUTI DALLA SILA PATRIMONIO DELL’UNESCU  HA STRADE SE COSI’ SI POSSONO CHIAMARE QUASI AGIBILI ? 

COME MAI CROTONE CHE POTREBBE ESSERE VANTO PER UNA REGIONE INTERA E NON SOLO VIENE ABBANDONATA ? 

SARA’ CHE GIA’ BRILLA DI LUCE PROPRIA E DARGLI ALTRE ATTENZIONI POTREBBE OFFUSCARE QUALCHE ALTRA CITTA’?  

NON SI DIMENTICHI CHE LA CALABRIA E’ UNA DELLE REGIONI PIU’ MALTRATTATE D’ITALIA, IN OGNI AMBITO, IMMAGINO LA SUA RABBIA PER QUESTO,  ORA LEI PENSI CHE CROTONE E’ LA PIU’ MALTRATTATA DELLA CALABRIA, E PENSI ALLA NOSTRA DI RABBIA…”