Qualche giorno fa abbiamo raccontato la storia dell’anziana signora soccorsa da due poliziotti dopo essere rimasta inerme in bagno dopo una caduta. Si è affidata dapprima alle sue urla d’aiuto e dopo alla pronta reazione della Polizia.

Immagini che hanno fatto il giro del web e che hanno commosso migliaia di italiani, con innumerevoli proposte d’aiuto che ci sono pervenute per farle recapitare beni di prima necessità.
Ma la vittoria più grande è stata ottenuta quando una casa di cura ha offerto la propria disponibilità ad accogliere la signora nella propria struttura. Da oggi, quindi, avrà una nuova casa, la meritata compagnia e la necessaria assistenza.

E come la novantaduenne, un’altra persona anziana, la signora Pasqualina, che di anni ne ha 95, nel tentativo di lavarsi autonomamente, si è ritrovata distesa al suolo arrecandosi la rottura del femore.
Una storia che si ripete, a distanza di pochi giorni, con una dinamica simile a quella già raccontata. Anche questa volta fortunatamente a lieto fine, perché due operatori delle volanti, allarmati dalle urla dell’anziana, si son trovati costretti ad aprire forzatamente la porta d’ingresso.

Nella foto che vi mostriamo è racchiusa tutta la dolcezza di un semplice gesto, un giovane agente che avvolge in una coperta la signora, mettendola al caldo e soprattutto al sicuro.

La Polizia di Stato segue da sempre un itinerario di prossimità e vicinanza alla gente ed ai suoi bisogni quotidiani, e una delle modalità principali per “produrre sicurezza”, ma soprattutto per prevenire, sta nel comunicare con i cittadini per rassicurarli e farli sentire protetti in ogni momento.

La vittoria di oggi è di tutti, ma in particolare della comunità che ha salvato una vita non soltanto dal pericolo, ma dall’indifferenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here